I Nadàr Solo sono attualmente Matteo De Simone (voce e basso), Federico Puttilli (chitarre) e Andrea Dissimile (batteria). Nel tempo, la formazione ha visto alternarsi diversi batteristi: Andrea Laszlo De Simone (fratello di Matteo, dal 2006  al 2008), Andrea Zanuttini (2010), Alessio Sanfilippo (2011 – 2015).

NadàrSolo_2011_Amenabar
Amenabàr Café. Vasto (CH) 2011 durante il tour di Un Piano Per Fuggire.

I Nadàr Solo hanno pubblicato, dal 2007 a oggi, 4 album: Nadàr Solo (2007), Un Piano Per Fuggire (2010), Diversamente, come? (2011) e Fame (2014), tutti per l’etichetta milanese Massive Arts Records, ad eccezione dell’esordio Nadàr Solo, distribuito dalla transitoria H2OMusic, primo esperimento di etichetta digitale di SonyBmg. Hanno suonato in tour in Italia quasi ininterrottamente per quasi 5 anni dall’inizio del 2011 alla fine del 2015 e hanno collaborato con Il Teatro degli Orrori, Perturbazione, Levante, Daniele Celona, Bianco e molti altri. La loro crescita è indissolubilmente legata all’emergere di una nuova, attiva e partecipata scena musicale torinese, favorita dal ruolo aggregante di due importanti realtà cittadine: il Reset Festival e l’etichetta INRI.

Nadar solo capovilla
Con Pierpaolo Capovilla a Villa Ada, Roma, nel 2013

Dopo anni di intensa gavetta con Nadàr Solo e  Un piano per fuggire, i primi successi arrivano nel 2013 con l’album Diversamente, come?, trainato dal singolo IL VENTO (feat. Il Teatro degli Orrori). I Nadàr ottengono la stima della critica e un primo pubblico. Si esibiscono quell’anno al 1 maggio di Taranto insieme a Fiorella Mannoia, Roy Paci, Elio Germano, Riccardo Sinigallia e molti altri e accompagnano in tour gli Zen Circus e  Il Teatro degli Orrori, guadagnandosi in fretta la fama di live band potente ed emozionante. Tra il 2012 e il 2014, i Nadàr si esibiscono anche come band dell’amico Daniele Celona (già al lavoro coi Nadàr nella preproduzione di Un piano per fuggire, registrando con lui due album: l’esordio Fiori e Demoni (2012) e il fortunato seguito Amantide Atlantide (2015). Inoltre, Matteo De Simone pubblica il romanzo Denti Guasti e parte con lo stesso Celona e Pierpaolo Capovilla in un tour di reading in alcune città italiane.
Il 9 novembre 2013 il trio registra un EP LIVE allo Spazio 211 di Torino che ottiene più di 1400 download in una sola settimana sul sito ROCKIT.IT, mentre è di qualche mese più tardi l’esibizione all’Auditorium di Radio Popolare Milano per gli storici live di Patchanka.

9novembreSpazio 211. Torino, 9 novembre 2013 (Scarica gratis l’EP LIVE ALLO SPAZIO 211)

In quegli stessi giorni, I Nadàr girano insieme a Pierpaolo Capovilla al Mam Recording Studio di Cavallermaggiore (con la supervisione tecnica di Riccardo Parravicini e Davide Scalzo) il video live di Musica Ribelle, cover di Eugenio Finardi, brano amato sia da Capovilla che da De Simone. Il video, che piacerà molto allo stesso Finardi, nasce dalla collaborazione tra SoundsFood e lo storico Caffé Boglione di Bra per promuovere, attraverso la buona musica, l’eccellenza enogastronomica del cuneese.

L’estate successiva, insieme agli amici Bianco e Daniele Celona, i Nadàr danno vita al progetto Un’ora sola ti vorrei per segnalare la presenza di fatto di una nuova, ancora piccola, ma importante scena torinese: un concerto di un’ora dove la superband composta dagli stessi Nadàr Solo, Bianco e Celona, esegue brani propri e di altri artisti, coinvolgendo questi ultimi sul palco. Il progetto debutta durante il TRAFFIC FESTIVAL 2014, in piazza San Carlo a Torino, prima de I CANI vs MAX PEZZALI (con Anthony Laszlo, Johnny Fishborn, Eugenio in Via Di Gioia) e sarà replicato l’anno successivo anche a Milano e Roma, con ospiti diversi: Appino, Colapesce, The Niro, Cecilia, Niccolò Fabi. Solo qualche mese prima, con lo stesso obiettivo, i Nadàr Solo e Bianco avevano pubblicato in esclusiva su Repubblica.it una cover collettiva dello storico brano degli anni ’70 Ma Chi Ha Detto Che Non C’è (di Gianfranco Manfredi) coinvolgendo un nutrito gruppo di musicisti cittadini come campione rappresentativo della nuova scena: Levante, Eugenio In Via Di Gioia, Johnny Fishborn, Orlando Manfredi, Enrico Esma, Daniele Celona, I Sica, 10135, Matteo Castellano, Ila Rosso e molti altri.

Ad appena due mesi dalla fine del tour di Diversamente, come? l’11 novembre del 2014 i Nadàr Solo pubblicano l’album FAME, che registra subito un’accoglienza entusiastica e un’attenzione dei media e del pubblico del tutto nuova. Per la prima volta il trio varca la soglia della Radio Rai romana e ai primi concerti si segnala un’affluenza di pubblico decisamente superiore al passato. Il tour procede nei live club italiani (da ricordare la bellissima data di Marzo al Planet di Roma con gli amici Zen Circus) tutto l’inverno e la primavera.

PLANET ROMA
Planet. Roma, 2015.

A maggio Alessio Sanfilippo, dopo alcuni mesi di riflessione, decide di lasciare la band per unirsi al tour dell’amica cantautrice Levante. E’ un periodo non semplice di incertezze e tensioni, dal quale tuttavia la band riuscirà ad uscire senza ripercussioni sul proprio percorso e, soprattutto, senza incrinare i rapporti umani. L’ultima data dei Nadàr Solo con Alessio si tiene il 6 giugno 2015 al Mi Ami di Milano. Per completare il lungo tour, salirà subito dopo in sella un giovane batterista di Gallarate (MI) scovato grazie ad un video postato su Facebook da Andrea Caielli del Sauna Recording Studio di Varese: Andrea Dissimile. Andrea viene subito accolto con calore dal pubblico e l’intesa che si sviluppa con Matteo e Federico nel corso delle successive trenta date porterà ad ufficializzare il suo ingresso definitivo nella band.
In autunno il brano Cara Madre, tra i più acclamati di FAME, viene candidato al Premio Tenco nella categoria miglior brano.

miami2015
Milano, MI AMI 2015.
Pistoia
H2NO. Pistoia, 2015, con la nuova formazione.

Al termine del tour, il 27 dicembre 2015, il trio decide di prendersi una pausa dai palchi di qualche mese. Il riposo in realtà è breve perché il 7 marzo 2016 iniziano al Macello Recording Studio di Rivoli (TO) le registrazioni di un nuovo album, scritto durante le ultime fasi del tour. Al nuovo disco prendono parte, in qualità di strumentisti o vocalist, numerosi amici musicisti della scena torinese: Daniele Celona, Bianco, Alessio Sanfilippo, Filippo Cornaglia (Bianco, Andrea Laszlo De Simone, Niccolò Fabi), Orlando Manfredi (Duemanosinistra), Gigi Giancursi (ex Perturbazione, Linda And The GreenMan), Emanuele Via (Eugenio In Via Di Gioia), Marco Di Brino (Daniele Celona), Andrea Boeti (The Waste Pipes).

L’album si intitola SEMPLICE ed esce il 7 ottobre 2016 non per la storica milanese Massive Arts Records, ma per la toscana e giovanissima TIRRENO DISCHI. Il disco esordisce direttamente al numero 18 della pop chart di iTunes e nel primo giorno raggiunge la posizione numero 3 nei BESTSELLER POP di Amazon (numero 7 nellaBESTSELLER GENERALE).cover_semplice_def

 

Annunci